Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

L’agevolazione prima casa non può essere revocata se il contribuente sia proprietario nello stesso Comune semplicemente di una quota "esigua" di altro immobile. (Cass. Civ., Sez. VI-T, sent. n. 21289 dell’8 ottobre 2014)

L'acquisto di una quota particolarmente esigua di un immobile, non comportando il potere di disporne come abitazione propria, non realizza l'intento abitativo, che è la finalità perseguita dal legislatore, ed è, sostanzialmente, assimilabile alla titolarità di immobile inidoneo a soddisfare le esigenze abitative.

Commento

(di Daniele Minussi)
Il criterio è quello dell'idoneità di un immobile eventualmente già di proprietà di chi invoca le agevolazioni "prima casa" (che sia sito nello stesso Comune) a soddisfare le esigenze abitative dell'acquirente. Nel caso di specie si è ritenuto che l'essere proprietari di una quota del 5% di un altra abitazione non potesse comportare il potere di disporne come abitazione propria. Il vero problema rimane tuttavia irrisolto: fino a quale percentuale tale diagnosi della Corte sarebbe stata favorevole?

Aggiungi un commento