Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

L'acquirente è già proprietario di un appartamento, locato a terzi, nello stesso comune ove intende acquistare: possibile beneficiare delle agevolazioni prima casa? (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 19989 del 27 luglio 2018)

Ai fini della fruizione dei benefici per l'acquisto della prima casa, l'art. l, nota II bis, della tariffa allegata al Dpr n. 131/86, nel testo introdotto dall'art. 3, comma 131, 1. n. 549/95, la nozione di casa di abitazione deve essere intesa nel senso di alloggio concretamente idoneo, sia sotto il profilo materiale che giuridico, a soddisfare le esigenze abitative dell'interessato, sicché tale idoneità deve ritenersi insussistente nel caso in cui l'immobile sia locato a terzi; conseguentemente, l'agevolazione spetta anche all'acquirente che sia titolare del diritto di proprietà su altra casa situata nello stesso Comune in cui si trova l'immobile che viene acquistato allorché tale casa sia oggetto di un rapporto locativo regolarmente registrato e non maliziosamente preordinato a creare lo stato di indisponibilità della stessa.

Commento

(di Daniele Minussi)
La pronunzia fa leva sul concetto di "idoneità" dell'unità immobiliare già di proprietà dell'acquirente a soddisfare le di lui esigenze abitative per decidere se gli spettino o meno le agevolazioni "prima casa" che costui vorrebbe invocare in sede di acquisto di immobile in un comune ove già risulta essere titolare di un'altra abitazione, tuttavia locata a terzi. Come appare evidente, il fatto di averla locata a terzi non rende tale immobile concretamente "idoneo" ad essere abitato. Rimangono sullo sfondo altre questioni. Cosa riferire, ad esempio, dell'eventualità in cui l'appartamento locato a terzi fosse stato precedentemente acquistato fruendo delle agevolazioni "prima casa"? Per tale via l'ulteriore acquisto agevolato si porrebbe in contrasto non soltanto con la precisa condizione della impossidenza di altra abitazione nel Comune ove si intenda fare l'acquisto, ma anche con quella, ulteriore, di non essere proprietario di un altro immobile acquistato con le predette agevolazioni. Insomma: un quadro tutt'altro che chiaro.

Aggiungi un commento