Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Imposta sulla plusvalenza da cessione immobiliare. Accertamento di maggiore valore ai fini dell'imposta di registro, definizione da parte del solo acquirente: è vincolato anche il venditore? (CTR sez. staccata Brescia, Sez. LXVII, sent. n. 1763 del 20 aprile 2015)

Nel caso in cui l’acquirente abbia definito la pretesa tributaria dell’Agenzia delle Entrate con atto di accertamento, detto intervenuto adempimento da parte di uno dei debitori (acquirente) ha effetto liberatorio nei confronti degli altri a norma dell’art. 1292 c.c.. Il pagamento effettuato da uno dei coobbligati solidali comporta la definizione del rapporto tributario anche nei confronti degli altri coobbligati. La possibilità che l’Agenzia delle Entrate accerti successivamente a carico della parte venditrice una plusvalenza tassabile ai fini delle imposte dirette, costituisce evento incerto e futuro che, in caso di avveramento, legittima il destinatario di un avviso di accertamento di maggior reddito derivante dalla vendita immobiliare ad avvalersi degli ordinari mezzi di tutela giurisdizionale, ma non integra un interesse attuale all’impugnazione dell’accertamento dell’imposta di registro definita dal debitore coobbligato.

Commento

(di Daniele Minussi)
Una società vende nel 2009 un fabbricato ad uso commerciale per il prezzo di 142.000 euro. Detto valore viene rettificato in euro 207.000 dall'Agenzia delle Entrate. L'acquirente, in sede di accertamento per adesione, ridefinisce in euro 197.000 il valore del bene. La società venditrice proponeva ricorso avverso l'avviso di accertamento: mentre esso era accolto in primo grado, in secondo grado veniva respinto. Il ragionamento del Giudice si fonda sulla natura solidale dell'obbligazione relativa alla corresponsione dell'imposta di registro e non fa una grinza. Peccato che ciò lasci aperta la porta all'accertamento da parte della stessa Agenzia di un maggior prezzo percepito ai fini della emersione di una (maggior) plusvalenza da cessione immobiliare. Come dire: aspetta e spera, caso mai se va male proponi pure un altro ricorso, ma ad altri fini. Quando si dice schizofrenia normativa.

Aggiungi un commento