Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Finanziamenti? Riserva in conto capitale? Natura giuridica delle somme erogate dal socio in favore della società. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 24861 del 9 dicembre 2015)

L'erogazione di somme che a vario titolo i soci effettuano alle società da loro partecipate può avvenire a titolo di mutuo, con il conseguente obbligo per la società di restituire la somma ricevuta ad una determinata scadenza, oppure di versamento, destinato ad essere iscritto non tra i debiti, ma a confluire in apposita riserva "in conto capitale" (o altre simili denominazioni). Tale ultimo contributo non dà luogo ad un credito esigibile, se non per effetto dello scioglimento della società e nei limiti dell'eventuale attivo del bilancio di liquidazione, ed è più simile al capitale di rischio che a quello di credito, connotandosi proprio per la postergazione della sua restituzione al soddisfacimento dei creditori sociali e per la posizione del socio quale "residual claimant".

Commento

(di Daniele Minussi)
La pronunzia mette a fuoco la ben differente natura giuridica dei versamenti che a vario titolo possono essere effettuati da un socio nelle casse sociali. Una cosa è finanziare la società con liquidità che debbano essere restituite secondo indicazioni ben precise, altra cosa è fornire tali liquidità con il mero scopo di rafforzarla patrimonialmente. A tacer d'altro l'allocazione contabile muta in maniera radicale. Nella prima ipotesi nel bilancio occorrerà riportare l'erogazione nelle passività, nella seconda invece nell'attivo della società, dal momento che essa viene a costituire una sopravvenienza attiva che va a formare una riserva liquida a disposizione della società. Anche sul diritto alla restituzione del relativo importo ci sarebbe da effettuare una distinzione, tra somme versate "in conto capitale", come tali definitivamente acquisite al patrimonio sociale e somme versate "in conto futuro aumento capitale", dunque disponibili per un incremento del capitale, da eventualmente rendere al socio erogatore nell'ipotesi in cui tale aumento non avesse luogo.

Aggiungi un commento