Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Esercizio della servitù: il criterio del minimo mezzo e quello, complementarmente opposto, di cui all'art.1064 cod.civ.. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 216 del 12 gennaio 2015)

In tema di servitù prediali, l'estensione e le modalità di esercizio del diritto, ove non siano desumibili dal titolo, devono essere individuate mediante i criteri previsti dagli artt. 1064 c.c., secondo cui il diritto di servitù comprende tutto ciò che è necessario per usarne, e 1065 c.c., per il quale la servitù è costituita in guisa da soddisfare il bisogno del fondo dominante col minor aggravio del fondo servente.

Commento

(di Daniele Minussi)
Gli artt. 1064 e 1065 cod.civ. pongono regole che, nella loro antiteticità, si propongono di surrogare un titolo di costituzione del diritto reale parziario lacunoso in merito al modo ed all'estensione del diritto.

Aggiungi un commento