Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Esclusione di diritto del socio fallito da società di persone. Profilo effettuale ancorato al tempo del deposito della sentenza dichiarativa di fallimento. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 5449 del 18 marzo 2015)

La dichiarazione di fallimento del socio illimitatamente responsabile di società di persone determina la sua esclusione di diritto dalla società, ai sensi dell'art. 2288 c.c. - applicabile, come nella specie, ex art. 2293 c.c., alla società in nome collettivo - ed il bilanciamento tra la tutela della società e la massa creditoria del fallimento del socio si realizza, da un lato, evitando alla società l'eventualità pregiudizievole di avere il fallimento nella compagine e precludendo al fallimento di vendere la quota in via esecutiva; dall'altro, nel rendere oggetto della massa attiva fallimentare il credito di liquidazione della quota.
In una società di persone, per la redazione della situazione patrimoniale da assumere a base della liquidazione della quota di un socio uscente, non è possibile fare riferimento all'ultimo bilancio o comunque ai criteri di redazione del bilancio annuale di esercizio, ma deve aversi riguardo alla sua effettiva consistenza al momento della uscita del socio. Pertanto, posto che l'avviamento come elemento del patrimonio sociale, si traduce nella probabilità di maggiori profitti per i soci superstiti, nella determinazione del valore di detto bene debbono tenersi in conto non solo i risultati economici della gestione passata ma anche le prudenti previsioni della futura redditività dell'azienda.

Commento

(di Daniele Minussi)
La pronunzia affronta il problema dei criteri di liquidazione della quota del socio che sia stato escluso di diritto in esito alla pronunzia che ne abbia dichiarato il fallimento. A differenza di quanto è possibile concludere in tema di società di capitali, non risulta possibile fare riferimento alla norma di cui all'art.2437 cod.civ., vale a dire alle risultanze dell'ultimo bilancio approvato, ai fini della predisposizione della situazione patrimoniale alla cui stregua procedere alla liquidazione della quota del socio in favore della curatela. Deve piuttosto essere assunta l'effettiva consistenza del patrimonio aziendale, nello stesso compresa la valorizzazione dell'avviamento commerciale, prospetticamente comprendente anche le aspettative circa la futura attitudine dell'azienda a produrre reddito.

Aggiungi un commento