Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Elementi differenziali tra modo e condizione risolutiva. (Cass. Civ., Sez. Unite, sent. n. 5702 del 11 aprile 2012)

Mentre nella donazione modale l’onere imposto al donatario costituisce una vera e propria obbligazione, con la conseguente rilevanza dell’indagine volta ad accertare se la sua mancata esecuzione dipenda da inadempimento imputabile al donatario, l’avveramento dell’evento futuro ed incerto previsto dalle parti come condizione risolutiva del contratto produce effetti a prescindere da ogni indagine sul comportamento colposo o meno dei contraenti in ordine al verificarsi dell’evento stesso, tenuto conto che nella disciplina delle condizioni del contratto non possono trovare applicazione i principi che regolano l’imputabilità in materia di obbligazioni.

Commento

(di Daniele Minussi)
La S.C. scolpisce la distinzione tra modo (o onere) e condizione sostanzialmente ripercorrendo l'antico motto in base al quale "la condizione sospende, ma non obbliga; il modo obbliga, ma non sospende", fatta la debita attenzione alla concretezza della fattispecie, nella quale veniva in gioco una clausola condizionale risolutiva e non già sospensiva. All'evidenziazione della differenza tra i due istituti fa seguito la messa a fuoco dell'assenza, nella disciplina della condizione, della rilevanza della condotta del contraente sotto il profilo del dolo e/o della colpa: giammai potrebbe il comportamento delle parti essere posto a base di una valutazione dell'imputabilità dell'inadempimento, dal momento che non esiste un'obbligazione in senso tecnico. Andrebbe tuttavia tenuto conto di come la legge in effetti consenta di comunque rendere rilevanti le azioni delle parti del contratto intese ad incidere sull'evento condizionale: si pensi alla finzione di avveramento della condizione (art.1359 cod.civ.), anche se è il caso di mettere in luce come la stessa non sia stata reputata estensibile (cfr. Cass. Civ., 13519/91) ad una presunta finzione di non avveramento (che rinverrebbe applicazione proprio nell'ipotesi di avveramento dell'evento dedotto sotto condizione risolutiva).

Aggiungi un commento