Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Efficacia del recesso del socio di spa: natura recettizia dell'atto. (Tribunale di Napoli, 11 gennaio 2011)

Il recesso è negozio unilaterale recettizio giuridicamente efficace dal momento in cui la relativa dichiarazione è ricevuta dalla società. Da tale momento il socio perde il suo status e, di conseguenza, la legittimazione ad esercitare i diritti sociali, divenendo creditore della società per la liquidazione della quota.
Il socio receduto è legittimato ad impugnare la delibera assembleare che ha costituito il fondamento dell’esercizio del diritto di recesso.

Commento

(di Daniele Minussi)
La natura recettizia dell'atto di recesso (che importa, dal momento del ricevimento della relativa dichiarazione da parte della società destinataria, l'esclusione del recedente dal novero dei soci) non può, con tutta evidenza, eliminare anche la possibilità per il recedente di impugnare la deliberazione che ha dato causa al recesso.

Aggiungi un commento