Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Donazione modale. Inammissibilità della risoluzione di diritto in seguito ad inadempimento di obbligazione scaturente da onere. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 14120 del 20 giugno 2014)

Poiché in tema di risoluzione della donazione modale esiste una normativa specifica e completa, altre disposizioni non possono trovare ingresso e la risoluzione della donazione per inadempimento dell'onere può essere domandata dal donante o dai suoi eredi, se preveduta nell'atto di donazione, ma non può avvenire ipso iure in forza di clausola risolutiva espressa, ex art. 1456 c.c., con preclusione di qualsiasi valutazione della gravità dell'inadempimento; sicché, avuto riguardo alla natura del negozio (atto di liberalità) e alla disciplina specifica (art. 793 c.c., comma IV), è da escludere che la donazione modale, in caso di inadempimento dell'onere, possa essere risolta di diritto (ex art. 1456 c.c.) in virtù di clausola risolutiva espressa (prevista per i contratti a prestazioni corrispettive). L'inserimento di simile clausola (alla quale è da attribuire un significato o effetto ai sensi dell'art. 1367 c.c.) nel contratto di donazione va intesa come espressa previsione di risoluzione della donazione per inadempimento dell'onere, che deve essere domandata dal donante o dai suoi eredi, in conformità della particolare disciplina esistente in materia.

Commento

(di Daniele Minussi)
Il modo non è tale da alterare la natura liberale dell'attribuzione. La disciplina dell'obbligazione modale e delle conseguenze dell'inadempimento della stessa è prevista dalla legge, la quale prevede anche l'ambito dell'autonomia negoziale del donante. Costui può infatti modulare variamente le conseguenze dell'inadempimento del donatario, pervenendo addirittura al drastico esito consistente nella risoluzione della liberalità effettuata. Non rientra tuttavia in tale ambito anche quello di configurare una clausola risolutiva espressa, sulla falsariga di quanto la legge prevede in tema di inadempimento delle obbligazioni contrattuali afferenti a contratti a prestazioni corrispettive.

Aggiungi un commento