Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Diritto del coerede di conseguire in natura la quota dei beni e principio di comoda divisibilità. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 1238 del 27 gennaio 2012)

Il concetto di comoda divisibilità di un immobile a cui fa riferimento l'art. 720 c.c. postula, sotto l'aspetto strutturale, che il frazionamento del bene sia attuabile mediante determinazione di quote concrete suscettibili di autonomo e libero godimento che possano formarsi senza dover fronteggiare problemi tecnici eccessivamente costosi e, sotto l'aspetto economico - funzionale, che la divisione non incida sull'originaria destinazione del bene e non comporti un sensibile deprezzamento del valore delle singole quote rapportate proporzionalmente al valore dell'intero, tenuto conto della normale destinazione e utilizzazione del bene stesso.

Commento

(di Daniele Minussi)
Tra i criteri ai fini della divisibilità in natura degli immobili oggetto di divisione va posto in evidenza quello della possibilità di formare porzioni autonomamente fruibili e tali da non far venir meno l'originaria destinazione del bene e da non svilirne il valore economico in relazione alle spese necessarie per operare il frazionamento.

Aggiungi un commento