Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Diritti dell’erede per l’irragionevole durata del processo qualora la parte già costituitasi in giudizio sia deceduta nelle more del procedimento. (Cass. Civ., Sez. I, n. 13803 del 26 giugno 2011)

In tema di equa riparazione ai sensi della l. n. 89/2001, qualora la parte costituita in giudizio sia deceduta anteriormente al decorso del termine di ragionevole durata del processo, l’erede ha diritto al riconoscimento dell’indennizzo, iure proprio, soltanto per il superamento della predetta durata verificatosi con decorrenza dal momento in cui, con la costituzione in giudizio, ha assunto a sua volta la qualità di parte; infatti non assume alcun rilievo, a tal fine, la continuità della sua posizione processuale rispetto a quella del dante causa, prevista dall’art. 110 c.p.c., in quanto il sistema sanzionatorio delineato dalla CEDU e tradotto in norme nazionali dalla legge non si fonda sull'automatismo di una pena pecuniaria a carico dello Stato, ma sulla somministrazione di sanzioni riparatorie a beneficio di chi dal ritardo abbia ricevuto danni patrimoniali o non patrimoniali, mediante indennizzi modulabili in relazione al concreto patema subito, il quale presuppone la conoscenza del processo e l'interesse alla sua rapida conclusione. In luogo di una liquidazione complessiva, priva di qualsiasi specificazione, dovrà procedersi a una ricostruzione analitica delle singole posizioni delle parti del processo, senza escludere la possibilità di un cumulo fra danno morale sofferto da una delle danti causa e, contemporaneamente, dall’erede nel frattempo intervenuto nel processo, in quanto non sussiste incompatibilità alcuna fra il pregiudizio da costui sofferto personalmente e quello che lo stesso soggetto fa valere iure successionis, in quanto già entrato a far parte del patrimonio del proprio dante causa.

Commento

(di Daniele Minussi)
Il tema della durata del processo è assai delicato e costituisce uno dei banchi di prova per l'applicazione di una normativa, quella sulla responsabilità del magistrato, che nei fatti ha conosciuto un'ampia quanto prevedibile disapplicazione.
La pronunzia in esame distingue, al riguardo, tra il diritto al risarcimento del danno maturato jure proprio in capo all'erede del soggetto coinvolto al procedimento ingiustificatamente protrattosi e diritto al risarcimento maturato jure successionis in capo a detto erede in quanto già subito dal de cuius.

Aggiungi un commento