Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Decorrenza del termine prescrizionale in relazione all'azione del danneggiato per la responsabilità professionale del notaio. Non tutti i professionisti sono eguali. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 6747 del 7 aprile 2016)

Ciò che rileva ai fini della prescrizione, ed anche con riferimento specifico alla responsabilità del notaio, è non solo il verificarsi del danno ma la sua conoscibilità ad opera del danneggiato. La decorrenza iniziale del termine di prescrizione del diritto al risarcimento del danno da responsabilità professionale (che è di natura contrattuale) decorre non già dal momento in cui la condotta del professionista determina l’evento dannoso, bensì da quello in cui la produzione del danno si manifesta all’esterno, divenendo oggettivamente percepibile e riconoscibile da chi ha interesse a farlo valere.
Nel caso di danno derivante dalla stipula di compravendita immobiliare e (nel caso di specie) avvenuto senza una adeguata informazione del notaio in ordine alle conseguenze pregiudizievoli derivanti dal contratto per quanto attiene alla perdita dei vantaggi legati al tasso degli interessi, non può assumere rilievo assolutamente dirimente (in guisa di mero automatismo) il momento della stipulazione dell’atto, che attiene, in sé, alla condotta del professionista e quindi al profilo dell’inadempimento, il quale può anche non essere contestualmente produttivo di un danno oggettivamente percepibile all’esterno.

Commento

(di Daniele Minussi)
Ai fini della prescrizione dell'azione risarcitoria , quello che conta non è il momento della stipula dell'atto, ma il tempo in cui il pregiudizio è percepibile da parte del soggetto danneggiato. Dunque il termine prescrizionale inizia a decorrere soltanto a partire da questo momento e non da quello in cui l'atto notarile venne perfezionato. Il principio "contra non valentem agere non currit praescriptio" viene così contestualizzato dalla S.C. nel peculiare ambito della prestazione notarile (cfr. nello stesso senso già Cass. Civ., sez. III, n. 16463/2009). Rimane da domandarsi: ma perchè questa regola vale soltanto per l'operato dei notai?

Aggiungi un commento