Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Condominio: natura contrattuale o meno delle disposizioni del regolamento disciplinanti la fruizione delle parti comuni . (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 9681 del 6 maggio 2014)

L'approvazione all'unanimità delle disposizioni del regolamento di condominio disciplinanti l'uso delle parti comuni, non conferisce alle stesse e per ciò solo natura contrattuale. Tali disposizioni, pertanto, fanno parte del contenuto normale del regolamento di condominio, di cui all'art. 1138, comma I, c.c. e possono essere modificate con la maggioranza prevista dal successivo comma III.

Commento

(di Daniele Minussi)
Nel caso di specie il regolamento condominiale disciplinante le modalità di parcheggio delle auto dei condomini che eccedessero specifiche dimensioni era stato approvato dall'assemblea condominiale all'unanimità. Ciò tuttavia non ne muta la natura giuridica (anche in considerazione della materia trattata), che rimane quella propria del regolamento approvato in assemblea. Ne segue la modificabilità con la regola della maggioranza di cui all'art.1138 cod.civ..

Aggiungi un commento