Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cessione della partecipazione sociale e cessione del credito del socio cedente: alienazione separata e garanzia dell'esistenza del credito. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 16049 del 29 luglio 2015)

La cessione, separatamente dalla vendita della partecipazione sociale, del credito vantato dal socio nei confronti della società quale restituzione di un'erogazione del primo in favore della seconda dà luogo alla garanzia per inesistenza del credito di cui all'art. 1266 c.c. solo qualora risulti che la causa concreta del negozio societario posto in essere sia riconducibile ad un versamento assimilabile a capitale di rischio, in quanto, in tal caso, il trasferimento della partecipazione sociale include, quale bene "di secondo grado", quello di ogni posta esistente nel patrimonio sociale, incluso il denaro ricevuto dalla società; la garanzia non opera, invece, nelle ipotesi di finanziamento del socio o di versamento finalizzato ad un futuro aumento del capitale nominale, dai quali deriva il diritto di credito del socio alla restituzione, l'uno ai sensi dell'art. 1813 c.c. in tema di mutuo e l'altro qualora venga successivamente meno la causa giustificativa dell'attribuzione patrimoniale eseguita in favore della società, onde il trasferimento della partecipazione sociale di regola non include anche tale credito, che può formare oggetto autonomo di diritti.

Commento

(di Daniele Minussi)
Spesso il socio che cede la propria partecipazione sociale ha effettuato versamenti in favore della società. Il problema spesso è stabilire a quale titolo lo abbia fatto, soprattutto quando esso non sia stato preceduto da apposita deliberazione assembleare o altro atto dal quale si possa desumere con sicurezza la causale del versamento. A titolo di utili non riscossi? A titolo di finanziamento? Quale versamento in conto futuro aumento di capitale? oppure semplicemente in conto capitale, senza cioè alcun diritto alla restituzione? La questione è destinata a porsi ineludibilmente in sede di cessione della quota sociale. Infatti la mera cessione della partecipazione non implica la parallela cessione del credito, a patto ovviamente che esso credito esista, ciò che andrebbe escluso tutte le volte in cui quanto versato lo sia stato a fondo perduto.

Aggiungi un commento