Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cassazione Civile Sez.Unite 125/2001: Le previsioni del piano per l'edilizia, come varianti del piano regolatore, indispensabili per determinare l'indennità di espropriazione

Per la determinazione dell'indennità di espropriazione di un fondo edificabile in base al piano regolatore - incluso in un piano per l'edilizia economica e popolare - la valutazione delle possibilità legali ed effettive di edificazione, al momento dell'apposizione del vincolo preordinato all'espropriazione, ai sensi dell'art. 5 bis del d.l. 333/92, introdotto con la legge di conversione 359/92, deve tenere conto delle previsioni del piano per l'edilizia in punto di densità volumetriche, quali varianti del piano regolatore, quando esse si traducano in indici medi di fabbricabilità, correlativamente al totale della superficie al lordo dei terreni da destinarsi a spazi liberi, ed inoltre si riferiscano all'intera area del piano stesso, o ad una porzione differenziata per situazioni indipendenti dal progetto espropriativo: deve, invece, trascurare la maggiore o minore fabbricabilità che il fondo venga a godere o subire per effetto delle disposizioni del piano per l'edilizia attinenti alla collocazione sui singoli fondi di specifiche edificazioni ovvero di servizi ed infrastrutture.

Commento

La S.C. si pronunzia in relazione al discusso criterio di quantificazione dell'indennità espropriativa introdotto dal d.l. 333/92 già oggetto di intervento da parte del Giudice delle leggi (cfr. Corte Cost. 1993 n.283).
Ai fini della determinazione del valore venale del bene oggetto di procedura espropriativa (ciò che costituisce uno dei due parametri di determinazione legale dell'entità dell'indennizzo, unitamente al valore fiscale costituito dal reddito dominicale rivalutato) occorre considerare, relativamente ad un fondo edificabile, le prescrizioni urbanistiche di piano regolatore generale (ivi comprese le varianti) unicamente quando riguardino l'indice medio di fabbricabilità, con esclusione delle variazioni afferenti l'allocazione di specifiche costruzioni o infrastrutture e servizi.

Aggiungi un commento