Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cassazione Civile Sez. II 10735/2001: Relatività del limite di tollerabilità delle immissioni

Il limite di tollerabilità delle immissioni, a norma dell'articolo 844 del codice civile, non ha carattere assoluto ma relativo, dovendosi aver riguardo al caso concreto con riferimento, tra l'altro, alle condizioni naturali e sociali dei luoghi e alle abitudini della popolazione: il relativo apprezzamento, risolvendosi in un'indagine di fatto, è demandato al giudice di merito: in particolare, è correttamente la sentenza di merito che accerti il superamento della normale tollerabilità in ragione di rumore provocato dal suono di pianoforte, di intensità superiore al limite di tre decibel.
Le leggi e iregolamenti, che disciplinano le attività produttive che fissano le modalità di rilevamento dei rumori e i limiti massimi di tollerabilità a causa di immissioni inquinanti, attengono ai rapporti pubblicistici con finalità e ambito di applicazione diversi rispetto alla disciplina privatistica prevista dall'articolo 844 del codice civile.

Commento

La pronunzia in esame pone due interessanti principi. Da un lato viene precisato che la verifica afferente alla tollerabilità delle immissioni sonore si compie sulla scorta del confronto tra livello acustico "di fondo" e livello sonoro incrementato per effetto della fonte di rumore addizionale (essendo stato sancito che, quando tale incremento supera i tre decibel esso supera la normale tollerabilità). In secondo luogo è stata dichiarata l'indipendenza tra il criterio di cui all'art.844 cod.civ. e la normativa "antirumore" (per lo più di indole regolamentare), afferente ai rapporti pubblicistici, inapplicabile a quelli interprivati.
Perplessità suscita il criterio dell'incremento della soglia di rumore determinato in 3 db. Giova a questo proposito specificare che tale unità di misura rappresenta una scala di valori che progredisce in modo esponenziale: un conto parlare di un rumore di fondo di 10 db e riferire di un immissione di 13 db, ben altra cosa sarebbe avere a che fare con un rumore di fondo di 50 db ed avere a che fare con una fonte di rumore di 53 db.

Aggiungi un commento