Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cassazione Civ., Sez. III, n. 17150/2002. Contratto d'albergo e revoca della prenotazione.

Il contratto d'albergo, sia concluso direttamente con l'albergatore, sia concluso per il tramite di un'agenzia di viaggi, che in questo caso opera come mandataria dell'albergatore, in ragione del carattere di offerta al pubblico che l'albergatore fa con la gestione dell'impresa alberghiera nelle forme d'uso, quali l'esposizione di insegne o l'indicazione, nei vari messaggi pubblicitari, dei dati essenziali dell'offerta si conclude, ex articolo 1326 del CC, in riferimento all'art. 1336 del CC, nel momento in cui l'albergatore viene a conoscenza dell'accettazione del cliente, al quale fine assume rilievo, quale accettazione dell'offerta, anche la cosiddetta prenotazione effettuata per un periodo di tempo futuro. Ne deriva che la revoca della prenotazione da parte del cliente integra unilaterale sottrazione al vincolo contrattuale e determina l'obbligazione di tenere indenne della perdita subita l'albergatore che non abbia effettivamente utilizzato la camera per il periodo prenotato, sicché ove tale prenotazione sia stata effettuata tramite un mandatario, il rinunziante deve tenere indenne quest'ultimo di quanto pagato all'albergatore, per le perdite subite, nel limite tuttavia in cui tale pagamento possa considerarsi effettuato in esecuzione dei doveri di diligenza incombenti sul mandatario stesso, e cioè previa informazione del rinunziante circa le richieste dell'albergatore e previo accertamento della mancata utilizzazione della stanza da parte del medesimo, restando comunque escluso che, nell'ipotesi in cui debbano essere forniti anche prestazioni o servizi accessori (ad esempio, la somministrazione di pasti) tali perdite possano coincidere con il prezzo del mancato soggiorno, dovendo detrarsi da questo l'importo dei servizi non resi. Detta accettazione dell'offerta al pubblico può essere effettuata anche tramite telefono, come ogni contratto a forma libera, se questa forma di accettazione non è esclusa dall'offerta.
Documento di riferimento:
Atti negoziali unilaterali\Le singole fattispecie\Revoca\Revoca della proposta, della accettazione, revoca della revoca di proposta ed accettazione

Commento

Rilevante la qualificazione in chiave di offerta al pubblico (art.1336 cod.civ.) della gestione ordinariamente effettuata del servizio alberghiero e che si estrinseca con l'esposizione dell'insegna, di targhe, della pubblicazione di messaggi che sollecitano variamente la clientela potenziale. Se ne deduce che la conclusione del vincolo contrattuale si ha nel momento in cui l'albergatore conosce dell'accettazione della detta offerta da parte del cliente, accettazione che si estrinseca anche con la prenotazione.
In questo contesto la revoca della prenotazione si configura come "rottura del contratto" con la correlativa insorgenza dell'obbligazione di tenere indenne l'albergatore delle perdite subite.

Aggiungi un commento