Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., sez.II, n.14586/2004. Aliud pro alio e azione contrattuale di risoluzione.

La consegna di aliud pro alio dà luogo all'ordinaria azione contrattuale di risoluzione ai sensi dell'articolo 1453 del Cc, svincolata dai termini di prescrizione e decadenza cui sono soggette le azioni ex articoli 1490 e 1497 del Cc, perché la res tradita è completamente diversa da quella pattuita, in quanto, appartenendo a un genere diverso, si rivela del tutto inidonea a assolvere alla destinazione economico sociale della res vendita e, quindi, a soddisfare in contratto i bisogni che hanno determinato la parte a effettuare l'acquisto, la consegna di un oggetto diverso da quello pattuito.

Commento

Il termine prescrizionale per far valere l'inadempimento che si concreta nel c.d. aliud pro alio è quello ordinario decennale entro il quale far valere l'azione di risoluzione del contratto.

Aggiungi un commento