Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., Sez. III, n. 3455 dell’11 febbraio 2011. Ai fini della prelazione agraria del confinante occorre che il coltivatore sia titolare di un fondo che possa definirsi "coltivato" e non di un immobile qualsiasi.

In tema di disciplina dei rapporti agrari, il diritto di prelazione non spetta a chi sia proprietario di una casa di civile abitazione con annessi aia, stalla e piccolo orto confinante col fondo oggetto di compravendita, trattandosi di immobile inidoneo a configurare un "terreno coltivato", caratteristica quest'ultima a cui la legge subordina il sorgere, a favore del confinante, del predetto diritto.

Commento

(di Daniele Minussi)
Condivisibile la pronunzia della S.C., ispirata alla ratio della disposizione di cui all'art. 7 della Legge n. 817 del 1971, consistente nella preferenza che deve essere accordata nella vendita del terreno agricolo a colui che, essendo confinante, eserciti l'attività di coltivazione sul fondo finitimo.

Aggiungi un commento