Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., Sez. III, n. 264/2006. Responsabilità professionale del notaio per difettosa informazione dei rischi connessi all'accollo di mutuo non frazionato

Per il notaio richiesto della preparazione e stesura di un atto pubblico di trasferimento immobiliare, la preventiva verifica della libertà e disponibilità del bene e, più in generale, delle risultanze dei registri immobiliari attraverso la loro visura, costituisce, salvo espressa dispensa per concorde volontà delle parti, obbligo derivante dall'incarico conferitogli dal cliente e, quindi, fa parte dell'oggetto della prestazione d'opera professionale, poiché l'opera di cui è richiesto non si riduce al mero compito di accertamento della volontà delle parti, ma si estende a quelle attività preparatorie e successive necessarie perché sia assicurata la serietà e certezza dell'atto giuridico da rogarsi ed in particolare la sua attitudine ad assicurare il conseguimento dello scopo tipico di esso e del risultato pratico voluto dalle parti partecipanti alla stipula dell'atto. Conseguentemente, l'inosservanza dei suddetti obblighi accessori da parte del notaio dà luogo a responsabilità contrattuale per inadempimento dell'obbligazione di prestazione d'opera intellettuale, a nulla rilevando che la legge professionale non contenga alcun esplicito riferimento a tale peculiare forma di responsabilità.

Il notaio richiesto della stesura di un atto pubblico di trasferimento immobiliare con accollo, da parte dell’acquirente, di quota di un mutuo non frazionato in precedenza ottenuto dall'impresa alienante, è tenuto ad informare l'acquirente dei rischi connessi al mancato frazionamento del mutuo pro quota in accollo e connessi alla facoltà dell'istituto erogante di non consentire lo svincolo dalla ipoteca fino alla estinzione dell'intero mutuo, rientrando ciò nell'oggetto della prestazione professionale che, ove per tal profilo non adempiuta, può dar luogo a responsabilità contrattuale del notaio.

Commento

La pronunzia si segnala non tanto per l'affermazione, di per sè scontata, della natura contrattuale della reponsabilità del notaio in relazione all'esecuzione di tipiche attività accessorie rispetto alla stipulazione di una vendita immobiliare (quali l'effettuazione delle ordinarie visure ipocatastali), quanto per l'affermazione di precisi obblighi di informazione della parte acquirente circa il rischio connesso alla convenzione di accollo di mutuo non frazionato, ciò che imposta la sussistenza di una garanzia ipotecaria sulla porzione immobiliare acquistata pari alla intera misura originaria.

Aggiungi un commento