Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., sez. III, n. 15042/2008. Responsabilità della P.A. in relazione ai danni da cose in custodia e natura demaniale del bene.

La responsabilità per i danni provocati da cose in custodia (art. 2051 c.c.) trova applicazione anche in relazione ai beni demaniali. Essendo, tuttavia, tali beni particolarmente esposti a fattori di rischio non prevedibili e non controllabili dal custode, perchè determinati dal comportamento del pubblico indiscriminato degli utenti, che il custode non può escludere dall'uso del bene e di cui solo entro certi limiti può sorvegliare le azioni, il caso fortuito idoneo ad esimere da responsabilità il custode di beni demaniali va individuato in base a criteri più ampi ed elastici di quelli che valgono per i beni privati. Esso va individuato, in particolare, nei casi in cui la causa che ha provocato il danno non sia strutturale e intrinseca al modo di essere del bene, ma sia derivata da comportamenti estemporanei di terzi, non immediatamente conoscibili o eliminabili dal custode, neppure con la più diligente attività di manutenzione. Il difetto costruttivo del piano stradale, consistente in un rilevante dislivello fra le lastre di copertura, è invece da ritenere causa strutturale, quindi fonte di responsabilità da cose in custodia, ove abbia in concreto creato inciampo e provocato la caduta di un passante. Anche nei casi suddetti, la prova delle circostanze idonee ad esimere responsabilità, quali caso fortuito, deve essere fornita dal custode del bene demaniale, ai sensi dell'art. 2051 c.c.

Commento

La sentenza si inserisce nel filone, fino ad ora minoritario, che reputa applicabile il criterio di responsabilità di cui all'art.2051 cod.civ. anche alla P.A. in relazione alla cura e manutenzione di beni demaniali. V'è tuttavia da osservare come la pronunzia segni un cospicuo passo avanti nel tentativo di contemperare le esigenze di protezione dell'utente rispetto a quelle, di segno contrario, volte ad evitare un'ingiustificata proliferazione di istanze risarcitorie. Lo snodo del ragionamento è costituito dalla costruzione della nozione di "caso fortuito" atta a far venir meno la responsabilità. Detto caso fortuito sarà rinvenibile ogniqualvolta l'evento lesivo dipenda da fattori riconducibili alla condotta di terzi utenti del bene che abbiano estemporaneamente inciso sulla funzionalità dello stesso nella ricorrenza dell'ulteriore requisito costituito dalla diligente condotta manutentiva dell'ente.

Aggiungi un commento