Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., sez. II, n. 16550/2008. Carattere della liberalità effettuata in conformità agli usi.

La qualificazione giuridica di un'elargizione come liberalità effettuata in conformità agli usi ex art. 770,comma II, c. c., deve risultare non solo dal rapporto con la potenzialità economica del donante ma anche in relazione alle condizioni sociali in cui si svolge la sua vita di relazione, oltre che dal concreto accertamento dell'"animus solvendi" consistente nell'equivalenza economica tra servizi resi e liberalità ed, infine, dall'effettiva corrispondenza agli usi, intesi come costumi sociali e familiari.


Commento

Da osservare come la qualificazione della donazione secondo i paradigmi di cui al II comma dell'art.770 cod.civ. è funzionale alla esclusione del contenuto economico della stessa dall'obbligo collatizio ai sensi dell'art.742 cod.civ..

Aggiungi un commento