Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. Civ., Sez. II, n. 10716/2006. La preesistenza delle opere e costituzione della servitù per destinazione del padre di famiglia.

La costituzione di una servitù prediale per destinazione del padre di famiglia, ai sensi dell'art. 1062 c.c. postula l'esistenza, al momento in cui il fondo viene diviso tra più proprietari, di opere permanenti, visibili e destinate obiettivamente al suo esercizio dall'unico originario proprietario. Deve escludersi, pertanto, l'anzidetta costituzione allorché risulti che le opere assuntivamente destinate all'esercizio della servitù siano state realizzate dopo che il fondo, inizialmente unico, è stato diviso tra più proprietari.

Commento

Ai fini della costituzione della servitù ex art.1062 cod.civ. è indispensabile che la sussistenza delle opere permanenti sia antecedente rispetto al tempo in cui si manifesta la pluralità dei fondi.

Aggiungi un commento