Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Basta il mero passaggio di mano di contante sopra la soglia massima: scatta l’illecito (amministrativo) di riciclaggio. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 9881 del 20 aprile 2018)

In tema di normativa diretta a limitare l’uso del contante nella transazioni e a prevenire l’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio, il divieto, di trasferire, senza ricorrere ad intermediari abilitati, denaro contante e titoli al portatore per importi superiori ad euro 12.500, riguarda il trasferimento di denaro «a qualsiasi titolo tra soggetti diversi; pertanto, ai fini della sussistenza dell’illecito, è sufficiente che si realizzi la semplice traditio del denaro tra soggetti diversi che, per ciò solo, si rendono entrambi responsabili della violazione, a nulla rilevando la finale disponibilità (nella specie esclusa, svolgendo il percettore la funzione di mero depositario) della somma per realizzare operazioni di trasferimento e la liceità del negozio sottostante.

Commento

(di Daniele Minussi)
Giova premettere come la contestazione abbia per oggetto la violazione della norma anti riciclaggio di cui all'art.1 comma I del DL 143/1991 con. nella legge 197/1991, costituente illecito amministrativo.
Il fatto era costituito dall'avere un impiegato di banca trasferito denaro contante ad un consulente, a propria volta ex dipendente dello stesso istituto di credito, prelevandolo da una serie di conti correnti intestati ad hoc a soggetti compiacenti. Non vale osservare che il denaro non fosse uscito dalle mura dell'istituto (essendo stato depositato in una cassetta di sicurezza): il sol fatto del passaggio di denaro superiore alla misura massima consentita senza ricorrere ad intermediari abilitati fa scattare la sanzione.

Aggiungi un commento