Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Automaticità della decadenza dalla carica di sindaco, conseguente esclusione dell’azione di responsabilità ex art. 146 lf. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 22575 del 23 ottobre 2014)

La decadenza dalla carica di sindaco di chi si trovi nella situazione di ineleggibilità prevista dall'art. 2399 c.c. (nella specie, quale dipendente della società), opera automaticamente, con la conseguenza che nei confronti della parte, che non abbia mai ricoperto la carica di sindaco, non può esercitarsi l'azione di responsabilità ex art. 146 legge fall..

Commento

(di Daniele Minussi)
La pronunzia si impernia sulla impossibilità di configurare un "sindaco di fatto" (al contrario di quanto è possibile prospettare in tema di amministratori di fatto). All'automaticità della decadenza dalla carica che avrebbe luogo quando dovesse riscontrarsi una causa di ineleggibilità (tale sarebbe l'esistenza di un rapporto di dipendenza con la società), non può che seguire l'inapplicabilità della disciplina volta a sanzionare il componente dell'organo di controllo.

Aggiungi un commento