Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Associazione non riconosciuta, comitato: estinzione in esito all'incorporazione in ente riconosciuto. (Cass. Civ., Sez. Lavoro, sent. n. 19114 del 10 settembre 2014)

L'incorporazione di un'associazione o comitato non riconosciuti in un'associazione o comitato riconosciuti determina la successione dell'incorporante nei rapporti giuridici dell'incorporato, che si estingue.

Commento

(di Daniele Minussi)
Nel caso di specie si trattava di sindacare le conseguenze giuridiche della sostanziale incorporazione delle articolazioni locali (nella forma della associazione non riconosciuta) della CIA (Confederazione italiana agricoltori) confluite nelle sezioni regionali. Tale situazione, senza che avesse avuto luogo alcuna liquidazione del patrimonio (rectius: fondo comune) delle associazioni locali, è stata qualificata dalla S.C. (sulla scorta dell'insegnamento di Cass 6985/2003) in chiave di incorporazione, producente l'effetto della successione nei rapporti giuridici già facenti capo all'entità estinta.

Aggiungi un commento