Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Annullabilità della deliberazione assembleare di s.p.a. verbalizzata in modo tale da non consentire l'identificazione dei partecipanti all'adunanza. Foglio presenze non allegato al verbale d'assemblea, ma semplicemente conservato nei documenti sociali. (Cass. Civ., Sez. I, sent. n. 603 del 12 gennaio 2017)

L’indicazione nominativa dei partecipanti e dei votanti ad un’assemblea di società per azioni consente di verificare se i voti siano stati validamente espressi dai soggetti a ciò legittimati ed è, quindi, necessaria per ricostruire la genesi del processo deliberativo ed accertare la validità delle determinazioni assunte. Ne consegue che, ove manchi la relativa documentazione (anche in foglio separato, purché allegato al verbale, in modo da farne parte integrante, e cioè richiamato ovvero allo stesso materialmente unito), la delibera è annullabile.

Commento

(di Daniele Minussi)
Nel caso di specie la adunanza assembleare veniva verbalizzata in maniera tale da non riportare il nominativo dei soci che vi avevano preso parte, che tuttavia veniva riportato in un foglio presenze sottoscritto a parte, comunque costituente allegato al verbale. Come è noto questa prassi è appellata come verbalizzazione "sintetica", in contrapposizione con quella "analitica", che prevede cioè la compiuta identificazione di ogni soggetto presente nella scritturazione del verbale. La norma cardine al riguardo è costituita dall'art. 2375 cod.civ., ai sensi della quale occorre "anche in allegato" che siano identificati i soci presenti, quelli che abbiano votato a favore, contro, ovvero si siano astenuti circa le deliberazioni da adottare. L'annullamento della deliberazione, d'altronde, ai sensi dell'art. 2377 IV co. n.3 segue alla constatazione di incompletezze o inesattezze tali da pregiudicare l'accertamento del contenuto, degli effetti, della validità della delibera stessa. Nel caso di specie l'attenzione si è concentrata sul "foglio presenze". Esso deve fare parte integrante del verbale, del quale occorre che costituisca un allegato. Non basta che esso si concreti, come nel caso di specie, in un foglio "volante" semplicemente conservato nei documenti presenti negli uffici della società.

Aggiungi un commento