Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Amministratore di condominio: legittimazione passiva generale. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 25634 del 4 dicembre 2014)

In tema di condominio negli edifici, la legittimazione passiva dell'amministratore, prevista dall'art. 1131, comma II, c.c., ha portata generale, in quanto estesa ad ogni interesse condominiale e sussiste, pertanto, anche con riguardo alla domanda, proposta da un condomino o da un terzo, di accertamento della proprietà esclusiva di un bene, senza che sia necessaria la partecipazione al giudizio di tutti i condomini.

Commento

(di Daniele Minussi)
Se il condomino Tizio pretende di far valere il proprio diritto di proprietario esclusivo su un bene che dovrebbe essere invece considerato comune ai sensi dell'art,1117 cod.civ. sono legittimati passivi tutti i condomini o soltanto l'amministratore? al quesito la S.C. risponde in quest'ultimo senso: è sufficiente, ex art.1131 cod.civ., che il contradditorio venga instaurato con il solo amministratore.

Aggiungi un commento