Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Vitalizio alimentare



Nell'ambito delle negoziazioni atipiche riconducibili al c.d. vitalizio improprio può essere collocato il vitalizio alimentare. Con questa espressione si allude all'accordo in forza del quale un soggetto si obbliga a corrispondere ad un altro gli alimenti per tutta la durata dalla vita di quest'ultimo.

La negoziazione risponde allo scopo di assicurare il sostentamento del vitaliziato, con riferimento alla misura degli alimenti. L'espresso richiamo all'obbligazione alimentare determina l'applicabilità dei relativi principi, tra i quali l'esistenza dello stato di bisogno dell'alimentando. Con tutta evidenza si prescinde dal rapporto parentale di cui all'art. 433 cod.civ. nota1.

La giurisprudenza ha avuto modo di intervenire in relazione alle fattispecie in considerazione da un lato dichiarandone la piena ammissibilità alla stregua del principio dell'autonomia negoziale (art. 1322 cod.civ. ), dall'altro affermandone la natura di contratto pur sempre aleatorio, qualificato dall' intuitus personae legato alla natura anche spirituale della prestazione (Cass. Civ., Sez. II, 7033/00 ; Cass.Civ., Sez. II, 8854/98). In particolare questo aspetto ha indotto a negare, nell'ipotesi di inadempimento, l'applicabilità del rimedio, proprio della rendita vitalizia, di cui all'art. 1878 cod.civ.. Sarà al contrario praticabile il ricorso al principio generale di cui all'art. 1453 cod.civ. . (Cass. Civ., Sez. II, 10859/10; Cass.Civ., Sez. III, 6395/04; Cass.Civ., Sez. II, 1502/98; Cass.Civ., Sez. II, 5342/97) nota2.

Note

nota1

Lener, voce Vitalizio, in N.mo Digesto it., p.1022; Macioce, voce Rendita, in Enc.giur.Treccani, p.9.
top1

nota2

La ragione dell'esclusione del ricorso all'art. 1878 si rinviene nella infungibilità della prestazione: il creditore non potrebbe trarre soddisfacimento dalla vendita forzata dei beni appartenenti al debitore, stante l'infungibilità della prestazione promessa da costui (De Luca, Cogliandro, D'Auria, Ronza, Dei singoli contratti, vol.II, Milano, 2002, p.464).
top2

Bibliografia

  • DE LUCA COGLIANDRO D'AURIA RONZA, Dei singoli contratti, Milano, II, 2002
  • LENER, Vitalizio, NDI
  • MACIOCE, Rendita, Enc.giur. Treccani

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Vitalizio alimentare
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Vitalizio alimentare"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto