Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Violazioni all'art. 51 n.11 l.n. - sanzioni -




Dal punto di vista disciplinare, la violazione del punto 11 dell'art. 51 l.n. è sanzionata dal II comma dell'art. 137 l.n..

In caso di recidiva, la sanzione è quella stabilita dal I comma, lett. e) dell'art. 138 l.n., che prevede la sospensione del notaio da uno a sei mesi.

Nel caso di seconda recidiva l'art. 142, lett.b) l.n., prevede la destituzione del notaio.

Per quello che attiene all'ambito sostanziale, la violazione del punto 11 dell'art. 51 l.n. comporta la nullità del testamento, per atto di notaio, secondo quanto previsto dal punto 4 dell'art. 58 l.n. .

Questa affermazione va però collegata con quanto affermato dall'art. 606 cod.civ. in materia di "Nullità del testamento per motivi di forma".

In effetti l'art. 606 cod.civ. stabilisce quali siano le uniche cause di nullità del testamento per atto di notaio, dipendenti da vizi di forma, precisando anche che "Per ogni altro difetto di forma il testamento può essere annullato su istanza di chiunque vi ha interesse".

Tale disposizione del codice civile, in relazione al contenuto dell'art. 60 l.n. , prevale su quanto stabilito dalla legge notarile.

Quindi la nullità del testamento per atto di notaio sancita dal n. 4 dell'art. 58 l.n. non avrà effetti sostanziali nei confronti del documento/testamento, ma unicamente sul piano disciplinare.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Violazioni all'art. 51 n.11 l.n. - sanzioni -
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Violazioni all'art. 51 n.11 l.n. - sanzioni -"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto