Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Violazione del diritto di prelazione (retratto successorio )



La cessione che sia stata effettuata dal coerede in spregio del diritto di prelazione è indubbiamente un atto perfettamente valido ed efficace. Non può infatti sostenersi l'invalidità del medesimo, neppure sotto la specie dell'eventuale illiceità della causanota1.

La legge, infatti, non pone alcun divieto di vendere o di acquistare, ma si limita ad attribuire agli altri coeredi il diritto potestativo di riscattare la quota alienata da chiunque l'abbia acquistata nota2. L'alienazione è perciò valida e produce i suoi effetti nei confronti sia dell'alienante che dell'acquirente, fino a quando gli altri condividenti non esercitano il riscatto.

Note

nota1

Così Marinaro, in Codice civile annotato, Libro II, Torino, 1980, p. 732; Capozzi, Successioni e donazioni, Milano, 1982, p. 752.
top1

nota2

Vedi Carpino, L'acquisto coattivo dei diritti reali, Napoli, 1977, pp. 42 e ss.; Durante, voce Prelazione e riscatto. Retratto successorio, in Enc.giur.Treccani, p. 5.
top2

Bibliografia

  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, II, 1982
  • CARPINO, L’acquisto coattivo dei diritti reali, Napoli, 1977
  • DURANTE, Prelazione e riscatto, III, retratto successorio, Enc. giur. Treccani
  • MARINARO, Torino, Cod.civ.annotato, II, 1980

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Violazione del diritto di prelazione (retratto successorio )
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Violazione del diritto di prelazione (retratto successorio )"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto