Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Vendita su tipo di campione



Il II comma dell'art. 1522 cod.civ. prevede che il campione possa avere, secondo le intese delle parti o gli usi, soltanto la finalità di indicare in maniera approssimativa il tipo e la qualità della merce oggetto della negoziazione. Questa specie di vendita è definibile come "su tipo di campione" e non già "a campione".

Le differenza tra le due figure è evidente: mentre nell'ultima rileva qualsiasi difformità delle merce fornita rispetto al campione (il cui modello rappresenta delle caratteristiche non sostituibili: cfr. Cass. Civ. Sez. III, 2934/75 ), nella prima non è richiesta la perfetta identità di quanto consegnato rispetto al campione. Esso è semplicemente l'indice della qualità della merce, fermo restando che il venditore non potrà essere considerato inadempiente per ogni divergenza relativa alle caratteristiche del prodotto fornito. Difatti nella vendita su tipo di campione la risoluzione potrà essere domandata soltanto quando la difformità possa essere considerata "notevole" (cfr. art.1522 cod.civ.) nota1.

Può in concreto non essere agevole la distinzione tra vendita su tipo di campione e vendita a campione: nelle ipotesi dubbie tra gli interpreti prevale l'opinione secondo la quale la vendita si presume esser stata fatta "su campione" nota2 . In altri termini, l'assunzione di un campione come parametro di adeguamento di quanto oggetto del contratto induce l'idea che le parti si siano riferite ad esso con una certa precisione.

Note

nota1

Si deve ritenere che la difformità sia notevole quando superi il massimo della tollerabilità: in questo senso Mirabelli, Dei singoli contratti, in Comm.cod.civ., libro IV, Torino, 1991, p.171.
top1

nota2

Così Rubino, La compravendita, in Tratt. dir.civ. e comm., diretto da Cicu-Messineo, vol.XXIII, Milano, 1971, p.132; Greco-Cottino, Della vendita, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1981, p.429.
top2

Bibliografia

  • GRECO, COTTINO, Della vendita (Artt.1470-1547), Bologna-Roma, Comm. cod.civ. a cura di Scialoja-Branca, 1981
  • MIRABELLI, Dei singoli contratti, Torino, Comm. cod. civ., vol. IV, 1968
  • RUBINO, La compravendita , Milano, Tratt.dir.civ. e comm. già dir. da Cicu-Messineo, e continuato da Mengoni vol.XVI, 1971

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Vendita su tipo di campione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Vendita su tipo di campione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto