Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Vendita di multiproprietà: nullità per difetto di menzione della fidejussione




Ai sensi dell'art. 72 bis del D. Lgs. 206/05, introdotto in esito alla modifica del D.Lgs. 23 maggio 2011 n. 79, il venditore di un diritto reale di godimento turnario di un'unità abitativa (multiproprietà) deve prestare idonea fideiussione bancaria o assicurativa a garanzia della corretta esecuzione del contratto. La relativa menzione deve essere effettuata nel contratto a pena di nullità del medesimo (III comma art. 72 bis cit.). Ciò significa che la causa di invalidità prescinde dal concreto rilascio della fidejussione, che pure abbia avuto luogo. La nullità infatti discende direttamente dal mero difetto di menzione dell'intervenuto rilascio della garanzia.

News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Vendita di multiproprietà: nullità per difetto di menzione della fidejussione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Vendita di multiproprietà: nullità per difetto di menzione della fidejussione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto