Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Usucapione dei beni mobili



Ai sensi dell'art. 1161 cod.civ., in mancanza di titolo idoneo, la proprietà dei beni mobili e gli altri diritti reali di godimento sui beni medesimi si acquistano, qualora il possesso sia stato acquistato in buona fede, in virtù del possesso continuato per dieci anni .Se, al contrario, il possessore è di mala fede, l'usucapione si compie con il decorso di venti anni .

Dunque in relazione ad un bene mobile non registrato possono darsi le seguenti ipotesi:

  1. che l'acquirente ne consegua in buona fede il possesso in forza di un titolo idoneo: si verifica la fattispecie di cui all'art. 1153 cod.civ. (possesso vale titolo) in base alla quale l'effetto acquisitivo della proprietà in capo all'avente causa a non domino si produce immediatamente ;
  2. che in un'analoga ipotesi, difettando unicamente un titolo idoneo (pur in presenza di trasferimento del possesso e della buona fede in capo all' accipiens ), l'acquisto del diritto sia subordinato al decorso del decennio ex art. 1161 . Non si tratta, in mancanza del requisito del titolo astrattamente idoneo, di un caso di acquisto a non domino, bensì di un'ipotesi di usucapione;
  3. se abbia fatto difetto anche la buona fede nell' accipiens , vale a dire se costui, nel ricevere il possesso del bene da colui che non ne aveva la proprietà, era a conoscenza di questa situazione, l'usucapione potrà considerarsi perfezionata solamente con il decorso di venti anni. In dottrina è inoltre dibattuta l'applicabilità dell'istituto dell'usucapione nei confronti dei titoli di credito (Cass. Civ. Sez. I, 2103/82 ) nota1 .


Note

nota1

Mentre la giurisprudenza ammette l'usucapibilità dei titoli di credito (si veda la sentenza sopracitata), la dottrina è divisa fra coloro che non l'ammettono nel modo più assoluto e chi, al contrario, è orientato favorevolmente, almeno per quanto riguarda alcune categorie ben specifiche di titoli come quelli al portatore o quelli all'ordine, girati in bianco. Cfr. Foschini, in Riv. dir. comm., 1960, I, p.38; Ferri, Scritti giuridici II, Napoli, 1990, p. 402 e I titoli di credito, in Tratt. dir. civ., diretto da Vassalli, Torino, 1965, p. 112; Martorano, Titoli di credito, in Enc. dir., p.606; Carraro, in Riv. dir. civ., 1984, I, p.356.
top1

Bibliografia

  • FERRI, Scritti giuridici II, Napoli, 1990
  • FERRI, Titoli di credito, Torino, Tratt. dir. civ. diretto da Vassalli, vol. VIII, 1965
  • MARTORANO, Titoli di credito, Enc. dir., XLIV


Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Usucapione dei beni mobili
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Usucapione dei beni mobili"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto