Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Ravenna del 1994 (12/04/1994)


La quota attuale di partecipazione del socio di società in nome collettivo, non essendo di regola liberamente trasferibile, non è suscettibile di espropriazione forzata, risultando dal sistema della legge la correlazione tra libera trasferibilità ed espropriabilità.Tra gli atti conservativi che il creditore particolare del socio può compiere sulla quota spettante a quest'ultimo nella liquidazione ai sensi dell'art. 2270, primo comma, codice civile, non rientra il pignoramento, in quanto la finalità "espropriativa" tipica di tale atto esecutivo non può essere piegata a mere finalità "conservative" in vista della futura aggressione della quota che spetterà al socio in esito al compimento delle operazioni di liquidazione della società.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Ravenna del 1994 (12/04/1994)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto