Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Pescara del 1998 (18/06/1998)


Va pronunciata sentenza di assoluzione dal delitto di sequestro di persona, per (il dubbio circa) la sussistenza della causa di giustificazione c.d. del "soccorso difensivo" o della "difesa altruistica" - ai sensi dell'art. 52 c.p. in relazione all'art. 530 comma 3 c.p.p. - nell'ipotesi di forzoso allontamento dalla propria abitazione e riaccompagnamento nella comunità di recupero, per proseguire il programma di disintossicazione, attuato in danno di soggetto che vi si opponeva e che però minacciava di morte il familiare il quale invece ve lo sollecitava.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Pescara del 1998 (18/06/1998)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto