Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Parma del 2005 (06/12/2005)


Ai fini dell'accettazione tacita d'eredità non è sufficiente un qualsiasi atto che sulla base della sua specifica natura e della sua destinazione finalistica possa giustificare altre possibili interpretazioni rispetto a quella di assunzione della qualità di erede.+ Nella specie, falsificare la firma di traenza di alcuni assegni e altri comportamenti, come il ricovero di beni presso l’abitazione del de cuius, sono stati considerati attuativi di reati nonchè volti ad assicurare l'impunità e fornire mezzi per la latitanza dell'omicida.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Parma del 2005 (06/12/2005)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto