Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Palermo, sez. III del 2015 (14/10/2015)



In caso di sinistro stradale deve ritenersi sussistente la responsabilità da custodia dell’ente proprietario della strada nei casi di vizi di carattere strutturale del bene, quali appunto dissesti, anomalie e buche, che sono fattori di rischio prevedibili per il custode e come tale evitabili, escludendone l’operatività nei casi di anomalie connessi a fattori di rischio, esterne, dovute anche all’incurie degli utenti non prevedibili, dovendosi ritenere definitivamente disconosciuta la categoria giuridica dell’insidia o trabocchetto ritenendo che tale figura, di cui non vi è traccia nel dettato dell’art. 2043 c.c. sia diventato un elemento della prova liberatoria che può fornire il proprietario della strada dimostrando di avere adottato tutte le misura idonee a prevenire o impedire che il bene demaniale presenti per l’utente una situazione di pericolo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Palermo, sez. III del 2015 (14/10/2015)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto