Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Milano del 1998 (25/05/1998)


La domanda di restituzione ai sensi dell'art. 192, 3° comma cod. civ. presuppone lo scioglimento della comunione legale e, quindi, non può essere proposta nel giudizio di separazione personale dei coniugi, perchè richiede una pronuncia definitiva di separazione; ai fini della restituzione anticipata consentita, previa autorizzazione giudiziale, dall'art. 192, 4° comma, cod. civ., il giudice deve valutare solo gli effetti di vantaggio e svantaggio che si produrrebbero sul patrimonio comune - nella specie, necessità di provvedere alla liquidazione dell'unico bene immobile - non rilevando affatto le esigenze personali del singolo coniuge; le somme, provenienti dal patrimonio personale, di cui si può chiedere la restituzione, devono essere riconducibili alla fattispecie dell'art. 179 cod. civ.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Milano del 1998 (25/05/1998)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto