Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Firenze del 1967 (05/01/1967)



Ai fini del risarcimento del danno alla persona (lucro cessante), la vecchiaia e la mancanza di un’attività lavorativa specifica non implicano necessariamente la ragguagliabilità del valore dell’uomo a zero, perché nel vecchio può persistere la capacità (da valutarsi caso per caso) di attendere alla conservazione dei propri beni, cioè un’attività (potenziale) di controllo e di regolazione che non è senza effetti sul patrimonio del soggetto considerato (caso di agiato ex commerciante di 78 anni).

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Firenze del 1967 (05/01/1967)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto