Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Bologna del 2000 (14/06/2000)


La dichiarazione che il consumatore renda in calce alle clausole abusive circa la loro preventiva negoziazione con il professionista, se espressa nell'ambito delle contrattazioni di massa, non è sufficiente a dimostrare che sia realmente intercorsa fra le parti una trattativa idonea a vincere la presunzione di vessatorietà di cui all'articolo 1469 ter comma 4 cod.civ.L'articolo 1469 bis comma 3 n. 19 cod.civ., deve essere interpretato conformemente al diritto comunitario, in modo che ad esso venga assicurato il più ampio raggio di efficacia. Deve quindi ritenersi che tale previsione normativa ha introdotto nelle controversie che oppongono consumatore e professionista un foro esclusivo del consumatore al quale solo il consumatore può derogare. Resta peraltro precluso al giudice un autonomo rilievo della propria incompetenza a mente dell'articolo 38, comma 1, cod.proc.civ..

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Bologna del 2000 (14/06/2000)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto