Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Bergamo del 1995 (16/11/1995)


Qualora, per errore di lettura dell'esame da parte dell'ecografista e di conseguente mancata colposa informazione alla madre circa le malformazioni del nascituro, sia stata esclusa in radice la possibilità di interrompere la gravidanza a norma dell'art. 6, lett. b) l. 22 maggio 1978 n. 194, sussiste la responsabilità diretta - ad un tempo contrattuale ed aquiliana - del sanitario e dell'ospedale datore di lavoro del primo per il pregiudizio patito da entrambi i genitori in conseguenza della nascita di un figlio portatore di "handicap" fisico, pregiudizio che deve essere risarcito sia ai sensi dell'art. 1225 c.c. che secondo l'art. 2043 c.c. (Nella specie, premesso quanto sopra, il tribunale ha condannato l'ospedale al pagamento della somma di lire 750.000.000 in favore di ciascuno dei genitori, nonché della ulteriore somma di lire 252.000.000 in favore della madre per spese future).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Bergamo del 1995 (16/11/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto