Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Ascoli Piceno del 1989 (13/05/1989)


L'attività calcistica e la gestione di uno stadio costituiscono attività pericolose, ciò imponendo l'adozione di particolari misure idonee ad evitare il verificarsi di eventi dannosi nei confronti del pubblicoResponsabilità va ravvisata in capo ai così detti "addetti al campo" dipendenti della società sportiva, che con il loro comportamento omissivo, consistente nel non essere intervenuti a rimuovere la situazione di pericolo, abbiano contribuito alla verificazione dell'evento dannoso.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Ascoli Piceno del 1989 (13/05/1989)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto