Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Trascrizione della vendita alternativa e della vendita facoltativa



Nel caso i cui la vendita alternativa abbia ad oggetto beni immobili, essa sarà soggetta alla trascrizione ai sensi del n.1 dell'art.2643 cod.civ. (in quanto contratto inteso al trasferimento di diritti reali immobiliari, sia pure con efficacia differita). Essa dovrà venire eseguita immediatamente, nel momento cioè della stipulazione dell'atto, senza dover attendere la scelta.

L'esecuzione della formalità pubblicitaria si articolerà in due tempi distinti. Come detto, l'atto portante la vendita verrà trascritto nei termini di legge subito dopo la stipulazione. Nella nota di trascrizione verranno individuati tutti i beni dedotti alternativamente nel contratto. Successivamente, l'atto di scelta (che potrebbe assumere le vesti di negozio unilaterale) sarà soggetto ad annotamento, la cui funzione sarà anche quella di dar atto dell'esclusione dell'effetto traslativo degli altri beni contemplati nella vendita nota1 .

Quanto alla vendita c.d. facoltativa (nella quale è dedotto un unico oggetto, essendovi tuttavia la facoltà di trasferirne uno diverso), non può dubitarsi che, del tutto analogamente alla vendita alternativa, quando abbia ad oggetto beni immobili, debba venire trascritta. La formalità sarà eseguita nei termini di legge decorrenti dal perfezionamento del contratto nota2. Qualora dovesse essere esercitata la facoltà alternativa, dovrà darsi atto di ciò mediante apposito atto da assoggettare parimenti a trascrizione (il quale verrà ad assumere la parallela funzione di annotamento di cancellazione in relazione all'originario oggetto della vendita) nota3 .

Note

nota1

Analogamente Rubino, La compravendita, in Tratt. dir.civ. e comm., diretto da Cicu-Messineo, vol.XXIII, Milano, 1971, p.410.
top1

nota2

Capozzi, Dei singoli contratti, Milano, 1988, p.141.
top2

nota3

Occorrerà che nell'ambito di questa ulteriore trascrizione si faccia riferimento all'originario contratto di vendita sul quale viene ad incidere l'atto di scelta: cfr. Coviello, La trascrizione, vol.II, Napoli, 1924, p.168 e Ferri, Trascrizione immobiliare, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1968, p.63.
top3

Bibliografia

  • CAPOZZI, Compravendita, riporto, permuta, contratto estimatorio, somministrazione, locazione, Milano, Dei singoli contratti, 1988
  • COVIELLO, Della trascrizione, Napoli, II, 1924
  • FERRI, Trascrizione immobiliare (Artt. 2643-2696), Bologna-Roma, Comm. cod. civ. a cura di Scialoja-Branca, vol. XXX, 1962
  • RUBINO, La compravendita , Milano, Tratt.dir.civ. e comm. già dir. da Cicu-Messineo, e continuato da Mengoni vol.XVI, 1971

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Trascrizione della vendita alternativa e della vendita facoltativa
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Trascrizione della vendita alternativa e della vendita facoltativa"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto