Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Transazione relativa al diritto di risarcimento dei danni derivanti da illecito penale



Ulteriore questione che ha a che fare con l'oggetto della transazione è quella che attiene alla possibilità di disporre del diritto al risarcimento del danno derivante da reato.

Occorre intendersi sulla portata dell'eventuale accordo transattivo. E' evidentemente impraticabile transigere in riferimento alla questione della qualificazione giuridica del fatto in chiave di illecito penale. Tale aspetto deve considerarsi riservato in via esclusiva al Giudice. Differente è l'ipotesi (ammissibile) di un accordo tra il reo e il soggetto passivo del reato inteso a disciplinare le conseguenze pregiudizievoli del reato (la quantificazione del danno patrimoniale, con particolare riferimento ai c.d. "danni futuri", vale a dire quali danni le cui conseguenze sono tali da riverberarsi in un arco temporale futuro) nota1.

Spesso il profilo penale e quello civile ed amministrativo si intrecciano e si sovrappongono, pur essendo ciascuno connotato da una propria sfera di autonoma operatività. Si pensi alla denunzia o all'esposto presentato da un vicino con riferimento all'abusività di una costruzione realizzata, ciò che vale ad integrare contemporaneamente violazione delle distanze legali tra le costruzioni.
E' chiaro che l'eventuale transazione non potrà che avere ad oggetto l'aspetto afferente ai diritti interprivati, non potendo sortire alcuna efficacia in relazione al distinto profilo di illiceità penale ed amministrativa (cfr. Cass.Civ., Sez. III, 2633/1982). Potrebbe così ipotizzarsi che, pur essendo intervenuto un accordo tra le parti inteso a consentire la permanenza della costruzione ad una distanza inferiore a quella prevista dalla legge o dai regolamenti, comunque il Giudice condanni per abuso edilizio il proprietario della costruzione e il Comune emetta ordinanza di demolizione.

Note

nota1

Si tratta infatti di beni patrimonialmente valutabili: così Messineo, Manuale di diritto civile e commerciale, Milano, vol.V, 1972, p.229; Minervini, in Codice civile annotato con la dottrina e la giurisprudenza, a cura di Perlingieri, Torino, 1980, p.1617; Dal Prato, voce Transazione, in Enc.dir., p.845.
top1

Bibliografia

  • DEL PRATO, Transazione, Enc. dir.
  • MINERVINI, Torino, Cod.civ.ann., IV, 1980

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Transazione relativa al diritto di risarcimento dei danni derivanti da illecito penale
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Transazione relativa al diritto di risarcimento dei danni derivanti da illecito penale"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto