Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Traditio ficta, traditio brevi manu, costituto possessorio



Nell'ambito dell'acquisto del possesso a titolo derivativo assume rilievo l'atto materiale della consegna della cosa (traditio)nota1. Non sempre essa si sostanzia in una condotta che assume i connotati della materialità: viene in esame a questo proposito la c.d. traditio ficta, ossia la consegna virtuale o fittizia.

Vi sono due figure di traditio ficta (Cass. Civ. Sez. III, 9596/98 ) in relazione alle quali la cosa permane nelle mani della persona che ne aveva precedentemente la disponibilità, mutando tuttavia in costui l'elemento psicologico, cioè l'animus nota2: tali la traditio brevi manu ed il costituto possessorio:
  1. si ha traditio brevi manu quando il detentore diviene possessore: es. il locatore aliena l'immobile già di sua proprietà all'inquilino che lo deteneva appunto a titolo di locazione. Come è evidente non si verifica alcun passaggio materiale, muta solamente l'atteggiamento del conduttore. Analogo ragionamento può essere fatto anche in tema di titoli di credito, da qualificarsi come beni mobili;
  2. si verifica inversamente il costituto possessorio quando il possessore cessa di possedere e comincia a detenere per altri (Cass. Civ. Sez. II, 6095/94 ; Cass. Civ. Sez. II, 6050/82 ) (si pensi, nel caso già esposto, all'eventualità simmetricamente contraria: il proprietario aliena ad altri l'immobile che contestualmente gli viene dato in locazione)nota3. Vi sono inoltre forme simboliche di consegna delle cose: si ponga mente alla consegna di un appartamento che avvenga semplicemente per il tramite delle chiavinota4.

L'acquisto del possesso a titolo derivativo non può essere nè violento nè clandestino (art. 1163 cod.civ. ), ma può essere di buona o malafede: sussiste la buona fede allorchè il possessore ignora senza colpa grave di ledere un altrui diritto acquistando il possesso (art. 1147 cod.civ.).

Note

nota1

In tema di consegna si vedano Angelici, Consegna, in Dig. disc. priv., 1988, p.468; Funaioli, Consegna, in Enc. dir., IX, p.131.
top1

nota2

V. Bigliazzi Geri, Breccia, Busnelli, Natoli, Istituzioni di diritto civile, Genova, 1979, p.358.
top2

nota3

Cfr. Galgano, Diritto privato, Padova, 1994, p.133; Bianca, Diritto civile, vol. VI, Milano, 1999, p.752.
top3

nota4

Tra gli altri, cfr. Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.212; Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.174.
top4

Bibliografia

  • ANGELICI, voce Consegna, Dig. disc. priv, 1988
  • BIANCA, Diritto Civile, Milano, VI, 1999
  • FUNAIOLI, Consegna, Enc.dir., IX
  • GALGANO, Diritto privato, Padova, 1994
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006


News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Traditio ficta, traditio brevi manu, costituto possessorio
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Traditio ficta, traditio brevi manu, costituto possessorio"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto