Termine prescrizionale dell'impugnazione del testamento per vizi di forma che importano annullabilità

Il II comma dell'art. 606 cod.civ. (in forza del quale è annullabile il testamento per vizi di forma diversi da quelli previsti nel I comma, i quali cagionano invece la nullità del testamento) prevede che l'azione di annullamento si prescriva in cinque anni. Il detto termine decorre a far tempo dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie nota1.



Note

nota1

A questo proposito si ritiene che, affinché abbia inizio la decorrenza del termine prescrizionale dell'azione di annullamento, sia sufficiente l'esecuzione anche solo di una disposizione testamentaria e non di tutte quelle previste dal testatore. Il legislatore, prevedendo un termine breve di prescrizione, ha inteso evitare che la situazione di incertezza (inerente lo status di eredi) possa prolungarsi indefinitivamente (cfr. Palazzo, Le successioni, t.2, in Tratt.dir.priv., a cura di Iudica e Zatti, Milano, 2000, p.923).
top1

Bibliografia

  • PALAZZO, Le successioni, Milano, Tratt.dir.priv. cura Iudica e Zatti , II, 2000

Richedi una consulenza

Se sei interessato all'argomento "Termine prescrizionale dell'impugnazione del testamento per vizi di forma che importano annullabilità" trattato in questa pagina puoi richiedere oggi stesso una consulenza.

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus a questo indirizzo.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Termine prescrizionale dell'impugnazione del testamento per vizi di forma che importano annullabilità"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto

Accetto