Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Termine per l'azione (revocazione per sopravvenienza di figli)



Dispone l'art. 804 cod.civ. che l'azione di revocazione per sopravvenienza di figli debba essere proposta entro cinque anni a far tempo dal giorno della nascita dell'ultimo figlio o discendente legittimo ovvero dalla notizia dell'esistenza del figlio o discendente, ovvero dell'avvenuto riconoscimento del figlio naturalenota1. Il detto termine deve reputarsi avente natura decadenziale nota2.

Il II comma della disposizione in esame prosegue sancendo l'impossibilità per il donante di proporre o di proseguire l'azione in esito alla morte del figlio o del discendente: non vi sarebbe più infatti il soggetto a favore del quale si produrrebbero gli effetti favorevoli seguenti alla revocazione.

A differenza di quanto si può rilevare in riferimento alla revocazione per ingratitudine (art. 802 cod.civ.), il codice è muto circa la legittimazione attiva e passiva in ordine alla proposizione dell'azione: tra gli interpreti prevale l'opinione secondo la quale possa farsi applicazione analogica del principio di cui alla riferita norma, a mente della quale l'azione può essere proposta dal donante o dai di lui eredi nota3 .

Note

nota1

Ne discende che, nell'ipotesi in cui il donante Tizio abbia successivamente avuto il figlio Primo, egli potrà proporre l'azione entro un quinquennio dalla nascita di questi. Qualora in un momento ancora successivo (poniamo dopo 10 anni dalla donazione e sette anni dopo la nascita di Primo) nasca un altro figlio (Secondo) decorrerà da tale giorno un nuovo termine quinquennale onde proporre la domanda di revocazione.
top1

nota2

Così Biondi, La donazione, in Trattato di dir.civ. it., dir. da Vassalli, vol.XII, Torino, 1961, p.1066 e Gardani-Contursi Lisi, Delle donazioni, in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja e Branca, Bologna-Roma, 1976, p.508.
top2

nota3

Mentre non saranno legittimati i creditori del donante o dei suoi eredi ad esercitarla in via surrogatoria: Torrente, La donazione, in Trattato di dir.civ. e comm., dir. da Cicu e Messineo, vol.XXII, Milano, 1956, p.576.
top3

Bibliografia

  • BIONDI, Le donazioni, Torino, Tratt. dir. civ. diretto da Vassalli, vol. XV, 1961
  • GARDANI CONTURSI LISI, Delle donazioni, Bologna Roma, Comm.cod.civ. a cura di Scialoja Branca, II, 1976
  • TORRENTE, La donazione, Milano, Tratt.dir.civ. e comm. diretto da Cicu-Messineo, 2006

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Termine per l'azione (revocazione per sopravvenienza di figli)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Termine per l'azione (revocazione per sopravvenienza di figli)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto