Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Temporaneità del diritto di usufrutto



La legge prevede che l'usufrutto possa essere solamente temporaneo. Quando esso sia stato attribuito ad una persona fisica (fermo restando che può ben avere una durata specificamente determinata) non puó oltrepassare la durata della vita di questa. Qualora l'usufrutto sia stato invece costituito a favore di un ente dotato di soggettività, non può comunque eccedere i trent'anni (artt. 979 e 1026 cod.civ.) nota1.

Da notare che la facoltà di disposizione dell'usufrutto è strettamente correlata alla sua durata. Se Tizio, usufruttuario vitalizio, intende alienare il proprio diritto, lo può fare limitatamente alla "quantità" di diritto di cui è titolare. Se dunque aliena l'usufrutto a Caio e muore il giorno dopo, anche il diritto acquistato da Caio si estinguerà. Se Tizio avesse acquistato l'usufrutto per anni cinque, ben potrebbe alienare tale suo diritto, indipendentemente dalla sua permanenza in vita, ovviamente nei limiti dei cinque anni.

Quanto precisato vale anche per quanto attiene alla disponibilità per testamento.Caio, usufruttuario vitalizio, non potrà disporre per testamento del proprio diritto: una volta venuto meno infatti si estinguerà necessariamente anche l'usufrutto, la cui durata era per l'appunto commisurata alla vita di Caio.Diversamente sarebbe nel caso in cui Caio fosse titolare dell'usufrutto che gli fosse stato venduto da Sempronio, usufrutto costituito per tutta la durata della vita di quest'ultimo.

E' possibile che Caio disponga dell'usufrutto, di cui pure risulta titolare, con un testamento?

E' ben vero che l'art. 979 cod.civ. prevede che la durata dell'usufrutto non può eccedere la vita dell'usufruttuario, ma questa disposizione si riferisce ai limiti temporali del diritto in fase di insorgenza, di nascita, di conformazione dello stesso.Tale momento deve essere identificato nella costituzione dell'usufrutto a favore di Sempronio. Alla durata della vita di costui occorre badare per verificare la possibilità di disposizione a causa di morte da parte di Caio, subacquirente successivo.Al quesito occorre pertanto rispondere positivamente: Caio potrà dunque disporre con testamento del diritto di usufrutto che si trova nel suo patrimonio, diritto che in ogni caso avrà termine con la morte di Sempronio.

Per questi motivi è possibile anche ipotizzare una successione regolata per legge, nella quale rientri un diritto di usufrutto che venga devoluto agli eredi dell'usufruttuario (cfr.Cass. Civ., Sez. II, 8911/2016) nota2 .

Note

nota1

Con tali limiti temporali il legislatore ha cercato di contemperare due opposte esigenze: garantire una certa autonomia privata ed assicurare il migliore e più razionale sfruttamento dei beni. E' quindi esclusa ogni pattuizione contraria intesa ad attribuire un godimento perpetuo del bene. Cfr. Palermo, L'usufrutto, in Tratt. dir. priv., diretto da Rescigno, Torino, 1982, pp.109 e ss.; Barbero, L'usufrutto e i diritti affini, Milano, 1952, p.426.
top1

nota2

Così Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.541.
top2

Bibliografia

  • BARBERO, L’usufrutto e i diritti affini, Milano, 1952
  • PALERMO, L'usufrutto, Torino, Tratt.dir.priv. diretto da Rescigno, 1982

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Temporaneità del diritto di usufrutto
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Temporaneità del diritto di usufrutto"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto