Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tar Calabria del 2008 numero 846 (14/02/2008)


L'art. 42 D. lgs. n. 267/2000, dopo avere premesso che il Consiglio Comunale è l'organo di indirizzo e di controllo politico amministrativo dell'ente, ne elenca in modo tassativo le competenze tra cui, al punto l), figurano gli "acquisti e alienazioni immobiliari, relative permute, appalti e concessioni che non siano espressamente previsti in atti fondamentali del consiglio e che, comunque, non rientrino nella ordinaria amministrazione di funzioni e servizi di competenza della giunta, del segretario o di altri funzionari". Ne consegue che rientrano nella competenza del Consiglio Comunale tutte le vicende traslative del diritto di proprietà relative a beni immobili. Al fine di individuare, in concreto, il novero degli atti riconducibili alla previsione del sopra citato art. 42 si deve, pertanto, tenere conto dell'effetto traslativo del diritto immobiliare più che della forma giuridica in concreto utilizzata per produrre tale risultato come, del resto, si evince dal tenore letterale della norma che fa genericamente riferimento agli "acquisti" senza alcuna specificazione del relativo titolo, se di diritto privato o di diritto pubblico. Nell'ambito dell'art. 42 d. lgs. n. 267/00 rientra l'esercizio del diritto di prelazione da parte del Comune ai sensi dell'art. 48, comma III, D.P.R. n. 327/2001 comportando lo stesso un indiscutibile effetto acquisitivo, in capo all'ente locale, della titolarità del diritto di proprietà sul bene del privato. Proprio in base al disposto dell'art. 42 D. lgs. n. 267/2000, l'esercizio del diritto di prelazione è rimesso alla competenza del Consiglio Comunale non ricorrendo alcuna delle ipotesi derogatorie previste da tale norma, la quale deroga alla generale competenza consiliare solo allorché vi sono acquisti immobiliari "che non siano espressamente previsti in atti fondamentali del consiglio e che, comunque, non rientrino nella ordinaria amministrazione di funzioni e servizi di competenza della giunta, del segretario o di altri funzionari".

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tar Calabria del 2008 numero 846 (14/02/2008)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto